Quarantena di Andrea Sartori

Durante il lockdown di Marzo e Aprile 2020, il fotografo Andrea Sartori ha realizzato uno scatto al giorno di diversi angoli di casa sua. Dagli oggetti più comuni, ai luoghi più nascosti. Il risultato è un reportage di come ha vissuto quel periodo. Di seguito il suo racconto e una selezione degli scatti.

La quarantena è come una lunga domenica senza fine, dove la permanenza forzata in casa accumula indizi di una presenza che, giorno dopo giorno, si stratifica. Segnali di vita e di morte raccontano di una convivenza quotidiana tra loro.

Ho la Olympus OM-D E-M1 Mark II e l'obiettivo M.Zuiko 12‑100mm F4 IS PRO. Non ho luci né flash (nemmeno uno a slitta) quindi devo usare quello che c'è: finestre, lampadari e abat jour.

_4090085 copia.jpg

La casa non è molto luminosa, in alcuni punti piuttosto buia, quindi devo lavorare di diaframma (poco) e di ISO (molto): aperture tra F4 e F7.1 e ISO tra 200 e 3200.

_4140201 copia.jpg_4090119 copia.jpg

La grande escursione di lunghezza focale dell'M.Zuiko 12‑100mm F4 IS PRO mi permette di raccontare un piccolo appartamento in tutti i modi: campi larghi, medi e dettagli strettissimi.

_4090153 copia.jpg_4090146 copia.jpg_4140193 copia.jpg

Inoltre non ho paura di aumentare i tempi di scatto fino a 1/50 (con ISO 3200) perché la stabilizzazione dell'ottica e del sensore su cinque assi mi permettono di fare praticamente qualsiasi cosa.

_4140166 copia.jpg

Normalmente a 3200 ISO un sensore Micro 4:3 soffre tantissimo, ma l'obiettivo M.Zuiko 12‑100mm F4 IS PRO è talmente inciso che mi è bastato lavorare un pochino in fase di sviluppo, senza nemmeno toccare nitidezza o chiarezza.

_4090128 copia.jpg

Ho scelto di non ritoccare le foto, lasciando tutte le imperfezioni degli oggetti; ho immaginato che durante la quarantena molte case, abitate e vissute 24 ore su 24, fossero come la nostra: vere e piene di vita.

Andrea Sartori

Tutte le Storie
15 ott
25 ott
Confermare l'azione

Sei sicuro di voler eseguire questa azione?

Conferma