La avventure di un Nomade

Un tempo musicista itinerante, Jose Mostajo ora si dirige verso le montagne del Pacifico nord-occidentale con il suo teleobiettivo zoom Tamron 28-200mm F/2.8-5.6 Di III RXD.

Il percorso di Jose Mostajo verso la fotografia potrebbe non essere stato lineare, ma sicuramente è stata un'avventura. Originario del Perù, Jose si è laureato in scienze motorie, ma presto si è trovato a lavorare con una band itinerante, cosa che ha fatto per quattro anni prima di appassionarsi alla fotografia.

"Vivevo in Norvegia verso la fine dei miei viaggi musicali, scrivendo e registrando musica, e ho iniziato a fare passeggiate ed escursioni" dice. "È stato allora che ho comprato la mia prima fotocamera, perché lo splendido scenario di fronte a me mi aveva ispirato a fotografarlo"

Poco dopo si è trasferito a Nashville, in Tennessee, e ha iniziato a frequentare altri fotografi, scattando ritratti e scene di strada in giro per la città. Tuttavia, è stato quando ha fatto un viaggio con un amico ad Anchorage, in Alaska, che si è reso conto che la fotografia di paesaggio e natura era più in sintonia con l’artista che è in lui. "Avevo deciso che avevo bisogno di fare una sorta di lungo viaggio, in cui potevo concentrarmi esclusivamente sulla fotografia e vedere cosa mi avrebbe fatto fare clic", dice. “Così intrapresi un viaggio con uno zaino in spalla per tutto il Sud America, ed è stato questo a spingermi nel mondo della fotografia”.

Sebbene la pandemia abbia rallentato il viaggio di Jose negli ultimi mesi, è comunque riuscito a esplorare la zona vicino a casa sua a Los Angeles. "È stato sicuramente un cambiamento enorme per uno come me, che vive per viaggiare", dice. “Ma i confini stanno lentamente iniziando ad aprirsi. Vedo un po’ di luce alla fine del tunnel. "

A settembre, Jose ha portato la sua fotocamera mirrorless Sony e l'obiettivo Tamron 28-200mm Di III RXD nel nord della California e nel Pacifico nord-occidentale, dove ha potuto creare le sue foto di paesaggi, natura e fauna selvatica con il versatile zoom all-in-one . "Essendo una persona che vive con un semplice zaino, è fondamentale che io possa viaggiare leggero", dice. “Avere un obiettivo leggero e compatto come il 28-200 è incredibilmente conveniente. Questo obiettivo, insieme al Tamron 17-28mm Di III RXD che ho portato anche in questo viaggio, mi hanno offerto la versatilità di cui avevo bisogno per coprire ogni situazione che volevo riprendere. "

Abbiamo parlato con Jose del suo stile fotografico, di ciò che lo ispira e di come ha messo alla prova il 28-200 mm mentre viaggiava verso nord da Los Angeles.

6.jpg

Sei relativamente nuovo alla fotografia. Spiega come hai imparato da solo il mestiere.

Jose Mostajo: Ha coinvolto molte ricerche su Google e YouTube. Quando ho iniziato, ero ancora in Norvegia. Non conoscevo nessuno lì, quindi per quei sei mesi o giù di lì, uscivo e scattavo foto, poi cercavo online informazioni su tutto, dall'uso dell'inquadratura, alle tecniche di composizione e al montaggio. In seguito, quando mi sono trasferito a Nashville, ho iniziato a collaborare con altri fotografi e a raccogliere i suggerimenti e le tecniche più preziose da loro. In quanto persona un po’ introversa, la fotografia mi parla davvero, perché è qualcosa che posso fare da solo o in gruppo, se voglio.

7.jpg

Qual è stata la tua prima importante ripresa di viaggio?

Jose Mostajo: La prima volta che ho presentato ufficialmente un luogo è stato nel marzo 2019, quando sono andato nel Northern Territory dell'Australia. A quel punto avevo già avuto alcune partnership con varie compagnie e agenzie di tour, ma questa era la prima volta che una compagnia mi portava da qualche parte per creare immagini per loro. Penseresti che sarà stato snervante e invece è stato il viaggio più facile che abbia mai fatto. Devi ricordare che, fino a quel momento, avevo affrontato i miei viaggi con soggiorni in ostello e viaggi in autobus di 30 ore. Perciò è stato molto umiliante che un'azienda considerasse così bene il mio lavoro che mi avrebbe fornito questa esperienza.

9.jpg

Quali sono alcune delle sfide della fotografia di paesaggio e di viaggio che hai incontrato?

Jose Mostajo: Sono sempre alla ricerca di luoghi di cui nessuno ne conosce l’esistenza, dove posso creare quella prima immagine per mostrarla al mondo. Quindi può essere scoraggiante imbattersi in una location straordinaria e scoprire che altri fotografi l'hanno già scattata migliaia di volte. Non voglio semplicemente copiare ciò che gli altri hanno fatto, quindi parte della sfida per me è dare il mio contributo a una scena molto visitata, sia che si tratti di camminare in una parte diversa del luogo o di trovare un modo diverso per fotografarla.

29.jpg

Con così tanti fotografi che affollano Instagram, come ti assicuri che il tuo lavoro risalti?

Jose Mostajo: Guardo l'intera scena e penso: cosa spicca? Qual è l'elemento più importante da evidenziare? Poi mi concentro su quello. A volte questo significa una visione grandangolare, ma altre volte significa puntare alla luce del sole che colpisce la cima di una montagna al tramonto, un riflesso sull'acqua o fiori che spuntano dalla terra sul lato di un sentiero escursionistico.

8.jpg

Quando sei in viaggio, in che modo il Tamron 28-200mm ti aiuta a realizzare le tue immagini?

Jose Mostajo: Beh ci sono alcune immagini che non sarei stato in grado di immortalare senza quell'obiettivo. È stato prezioso, soprattutto per la fauna selvatica. Per esempio. Stavo scendendo dalla parte più alta della montagna su cui mi trovavo quando ho visto un gruppo di ragazzini. Quando ero più in alto, stavo scattando foto grandangolari del paesaggio, ma con questo obiettivo sono stato in grado di ingrandire rapidamente fino a 200 mm e isolare uno scoiattolo in mezzo alla vegetazione.

Altro esempio. Ero seduto in cima a una vedetta, aspettando che la luce cambiasse, e tutti questi uccellini ci volavano intorno. Ho deciso che volevo catturarne uno in movimento, quindi ho ingrandito quel trespolo e ho semplicemente aspettato che uno decollasse.

32.jpg

Parla un po 'del tuo processo di post-produzione.

Jose Mostajo: Il mio scopo è sempre quello di catturare la migliore foto possibile con la fotocamera, portando il numero di modifiche al minimo. Naturalmente, ci sono situazioni in cui devo fare più affidamento sul processo di editing. Ad esempio, ho fatto molte escursioni in cui ho dovuto percorrere un certo numero di chilometri in un giorno, il che significa che potrei dover scattare foto in condizioni di luce intensa o andare avanti dopo pochi scatti. In questi casi, trascorrerò più tempo al computer, ma voglio comunque che le mie immagini sembrino scene autentiche che vedresti nella vita reale.

93.jpg

Qual è stato il tuo posto preferito al mondo in cui girare?

Jose Mostajo: l'Islanda era maestosa. Era un mondo completamente diverso da quello che avessi mai visto davanti alla mia fotocamera. Ma poiché vengo dal Perù, non vedo l'ora di visitarlo e fotografare le montagne. So anche che c'è molto di più da esplorare rispetto a quello che ho visto, quindi non vedo l'ora che tutto si riapra per poter tornare indietro.


Jose Mostajo è un fotografo peruviano di viaggi e avventure. Avendo iniziato il suo viaggio con uno zaino in spalla di 11 mesi attraverso il Sud America nel 2018, la sua passione per la vita all'aria aperta è continuata con viaggi in tutto il mondo. La sua fotografia ha portato a collaborazioni con una varietà di organizzazioni come l'AustralianTourism Board e l'Environmental Defense Fund, e lavori commerciali con società di outdoor come Killa Expeditions, Sierra Designs e Matador Gear. Con la sua fotografia spera di ispirare le persone a uscire e godersi la natura. https://www.josemostajo.com/


Fonte: Tamron Magazine Autumn 2020

Tutte le Storie
15 ott
25 ott
Confermare l'azione

Sei sicuro di voler eseguire questa azione?

Conferma