Esplorando la Thailandia e la Norvegia con la OM-D E-M1 Mark III

Quando desideri fare un test con la tua fotocamera, che cosa decidi di fare? Controlli le specifiche mettendo a confronto fotocamere diverse su un sito di comparazione? Usi la machina per fotografare piante, animali o bambini? Fai un test con un file raw su Lightroom oppure Olympus Workspace per vedere cosa viene fuori? Che ne dici di mettere fisicamente alla prova una fotocamera in due climi totalmente opposti?

Io l’ho fatto. Ho portato la OM-D E-M1 Mark III in Thailandia e in Norvegia per vedere come si sarebbe comportata e permettiti di darti un indizio su come sia andata: la macchina ha funzionato in modo IMPECCABILE.

olympus_-_thailand_blog_20.jpg

Esplorando la Thailandia

Non ero mai stato in Thailandia, quindi non avevo idea di cosa mi sarei dovuto aspettare. Sapevo che ci sarebbe stato un caldo tropicale, ma dopo essere arrivato, ho capito subito che sarebbe stato anche un viaggio accidentato e piuttosto caotico. Ho passato la prima settimana del mio viaggio a girare alcuni contenuti commerciali per un resort dove sono riuscito a scattare un paio di foto con la nuova fotocamera, ma ero felice di finire quel progetto e di partire per la vera avventura. Abbiamo setacciato Google Earth, noleggiato motociclette e ci siamo diretti verso le montagne.

Il nostro primo giorno dopo aver lasciato il resort si è rivelato una combinazione frenetica di caos e imprevedibilità. Siamo stati sorpresi da due enormi temporali, abbiamo dovuto fermarci e aspettare che il tempo migliorasse più volte e, a peggiorare le cose, uno dei miei amici ha avuto un'intossicazione alimentare così grave che abbiamo dovuto trovare alloggio per la notte. Il lato positivo di tutto questo, tuttavia, è che ho usato la OM-D E-M1 Mark III per scattare foto di quello che stava succedendo perché volevo essere in grado di ricordare questa sfortunata serie di eventi. Questo è anche il momento in cui ho messo alla prova la fotocamera per la prima volta per valutare quanto fosse resistente alle intemperie. Probabilmente dovrei fermarmi qui e prendermi un secondo per scusarmi con Olympus (ora OM Digital Solutions ndr) per aver testato questo campione così duramente. Immagino che non si aspettassero che lo usassi in condizioni umide come quelle, ma la fotocamera ha gestito la pioggia degnamente e sono rimasto scioccato da quanto l’acqua non influenzasse minimamente la fotografia.

olympus_-_thailand_blog_5.jpg

Pochi secondi dopo aver tirato fuori la fotocamera, questa era già inzuppata d’acqua e pensavo che avrei fatto meglio a lasciarla nella borsa. Ho continuato a scattare e, come si può vedere dalle foto, la pioggia cadeva a secchi. C'era acqua sulla parte anteriore dell'obiettivo e su tutto lo schermo, ma la OM-D E-M1 Mark III ha continuato a funzionare perfettamente. Non c'è mai stato un momento in cui si inceppasse o faticasse per la pioggia. 

Passammo il resto della notte cercando alloggio e cercando di aiutare il nostro amico con l'intossicazione alimentare a sentirsi meglio. Dopo un rapido pisolino, mio ​​fratello e io ci svegliammo alle 4 del mattino per fare il resto del percorso verso la nostra destinazione. Speravamo di prendere l'alba e siamo riusciti ad arrivarci appena in tempo. Colsi l'occasione per giocare con l'M.Zuiko 40-150mm F2.8 prima di unirci al resto dell'equipaggio per salire a bordo della nostra barca.

olympus_-_thailand_blog_7.jpg

Dopo un giro in barca di 30 minuti eravamo finalmente arrivati ​​dove volevamo andare. Nascosta in una piccola insenatura di questa riserva incredibilmente panoramica e bellissima, c'era la nostra cabina galleggiante per la notte. Abbiamo collaborato con le guide locali per organizzare due tour privati ​​in barca e abbiamo sfruttato questa opportunità per esplorare le insenature e le ombre delle imponenti montagne della zona.

Le barche erano un po’ tremolanti e molto basse rispetto all’acqua, ma è stata una grande opportunità per testare la stabilizzazione dell'immagine nel corpo (in-body Image Stabilization - IBIS) della OM-D E-M1 Mark III. Tutto ha funzionato a mio favore perché l'IBIS ha gestito perfettamente il movimento e mi ha permesso di essere in grado di scattare molto più velocemente. L'IBIS è stato anche estremamente utile per le foto con otturatore lento. Ho giocato con il motion blur e mi sono divertito molto a rappresentare la velocità con cui stavamo saltellando sulla superficie dell'acqua. Queste immagini erano un po’ "spruzza e prega", ma penso siano alcuni dei miei scatti preferiti riguardo questa esperienza.

olympus_-_thailand_blog_8.jpgolympus_-_thailand_blog_9.jpgolympus_-_thailand_blog_11.jpgolympus_-_thailand_blog_18.jpg
olympus_-_norway_blog_3.jpg

Al prossimo paese: la Norvegia

Subito dopo essere tornati dalle montagne, abbiamo riconsegnato le nostre moto e ci siamo diretti all'aeroporto per continuare la nostra avventura… questa volta, in Norvegia.

Sono sempre stato un fanatico delle città di montagna, degli epici panorami montanari e delle escursioni in generale, quindi visitare la Norvegia era un’opportunità davvero entusiasmante. Ho incontrato un altro gruppo di amici e ci siamo subito innamorati della zona delle Lofoten. In totale, ci abbiamo trascorso 10 giorni e posso dire onestamente che quel periodo è stato uno dei più piacevoli, mentalmente impegnativi e senza sonno che abbia mai vissuto in qualsiasi altro luogo. Il clima era leggermente più freddo di quanto immaginassi, ma per fortuna eravamo preparati perché avevamo portato con noi l'attrezzatura adatta (cosa che -devo dire- è stata estremamente difficile da organizzare e pianificare con largo anticipo, soprattutto arrivando dalla Thailandia).

Ogni volta che ho usato l'attrezzatura fotografica in inverno, mi sono sempre ritrovato ad avere dei ripensamenti proprio al momento delle riprese. O divento riluttante a estrarre la macchina fotografica perché rischio di scaricare la batteria più velocemente o perché mi si congela la mano e diventa fastidioso usare la fotocamera. Oppure la macchina diventa difficile da usare perché devo armeggiare con pulsanti, impostazioni e menu. Per fortuna, la OM-D E-M1 Mark III ha cambiato completamente la mia percezione delle riprese al freddo.

olympus_-_norway_blog_20.jpg

Sono stato felicissimo di provare il joystick della OM-D E-M1 Mark III. Potrebbe sembrare una caratteristica relativamente di poco conto, ma rispetto alla mia OM-D E-M5 Mark III, il joystick ha fatto la differenza. Cambiare i punti di messa a fuoco automatica, sfogliare le impostazioni o navigare nella fotocamera in generale è diventato un gioco da ragazzi.

Ho trascorso un sacco di tempo a fare escursioni in Norvegia e una delle mie esperienze preferite è stata una cima di montagna che abbiamo raggiunto due volte perché la vista era davvero bella. Il viaggio verso la cima è stato incredibilmente impegnativo e snervante, ma riuscire a salire fino a lì e realizzare questi scatti è stata un’emozione che non dimenticherò mai.

Nella maggior parte delle situazioni mi sento come se non avessi portato molta attrezzatura fotografica per un'escursione come questa perché gli attrezzi da arrampicata hanno la priorità, ma per fortuna la dimensione della OM-D E-M1 Mark III era della dimensione giusta per il kit che volevo portarmi. Ho usato questa fotocamera durante la maggior parte della salita e mi sono sentito molto a mio agio a tenerla fuori dalla zaino perché era facile da usare con i guanti (cosa che non posso dire sulla maggior parte delle fotocamere che ho usato in passato). Siamo stati fortunati a trovare un tempo incredibile in entrambi i giorni ed è stato rigenerante poter rimanere in cima per oltre un'ora con una luce perfetta.

olympus_-_norway_blog_10.jpgolympus_-_norway_blog_17.jpgolympus_-_norway_blog_25.jpg

Una delle cose migliori della Norvegia era l'ora blu e, se non hai molta familiarità con le condizioni invernali o simili a quelle invernali, l'ora blu è il periodo di tempo in cui il sole è sotto l'orizzonte e la luce solare indiretta residua assume una tonalità prevalentemente blu. Questo breve lasso di tempo è stato uno dei miei preferiti per gli scatti perché le luci delle strade si accendevano e il cielo diventava di un colore blu intenso che accentuava tutte le altre luci artificiali. Ho provato a scattare in queste condizioni di ora blu il più possibile e ho davvero cercato di spingere le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione della OM-D E-M1 Mark III. Dai miei test e dalle riprese, sono stato in grado di ottenere immagini pulite e prive di rumore fino a ISO 2.000. Ho usato un po’ di riduzione del rumore durante la modifica delle foto, ma con la giusta tecnica di editing è stato impressionante vedere quanto bene la OM-D E-M1 Mark III gestisse così poca luce.

Infine, le altre caratteristiche che mi hanno colpito molto sono state Live ND e Handheld High Res. Sono stato un grande fan di Live ND sin dalla prima volta che l'ho usato e sono sempre sbalordito da ciò che è capace di fare. Odio davvero dover portare un treppiede, quindi essere in grado di catturare immagini a lunga esposizione al volo è una caratteristica davvero utile. Handheld High Res è un'altra funzione potente e davvero utile da usare perché si può fare affidamento su di essa e sapere che stai catturando foto incredibilmente dettagliate e ad alta risoluzione. Ci sono stati diversi casi in cui sapevo che avrei voluto avere un fotogramma ad alta risoluzione extra da una certa area e avrei potuto facilmente catturarlo senza dover avere altre attrezzature di supporto con me.

olympus_-_norway_blog_23.jpgolympus_-_norway_blog_21.jpgolympus_-_norway_blog_13.jpgolympus_-_norway_blog_7.jpg

Rispetto alla Thailandia, la Norvegia era di gran lunga il clima più estremo e difficoltoso in cui questa fotocamera è stata testata. Dalle temperature artiche sotto lo zero ai venti cocenti, non ho mai avuto un problema in cui la fotocamera si è inceppata o guastata. Mi sono innamorato di questa fotocamera e mi ha ricordato molto la mia OM-D E-M1X, che è la fotocamera che di solito scelgo se ho bisogno di una centrale elettrica.

Dal primo giorno di unboxing, la OM-D E-M1 Mark III è stata incredibilmente a mio agio nella mia mano. Sembra che contenga un milione di campane e fischietti e possa realizzare tutto ciò che vuoi. Ci sono stati momenti in cui ero preoccupato di essere stato troppo duro, ma ha continuato a fare clic e mi ha mostrato che potevo essere il più debole della nostra coppia.

Se stai considerando questa fotocamera, te la consiglio vivamente. Olympus continua a spingere oltre i limiti e non vedo l'ora che lo proviate tutti.

Spero ti sia piaciuto leggere questo articolo e vedere un po' di contenuti dietro le quinte dei miei viaggi con questa fotocamera. Se hai domande o desideri saperne di più sul tempo trascorso con la OM-D E-M1 Mark III, non esitare a contattarmi su Instagram @justindkauffman.


Fonte: https://learnandsupport.getolympus.com/learn-center/photography-tips/travel/exploring-thailand-and-norway-with-the-e-m1-mark-iii

Tutte le Storie
15 ott
25 ott
Confermare l'azione

Sei sicuro di voler eseguire questa azione?

Conferma